Sottozero senza problemi - image  on http://auto.motori.net
Sei qui:

Sottozero senza problemi

Sottozero senza problemi - image inverno on http://auto.motori.net

Nella stagione invernale il circuito di raffreddamento è una delle componenti dell’automobile maggiormente esposta a rischi.

Nella stagione invernale il motore della nostra automobile corre seri pericoli. Quando la temperatura scende sotto zero, l’acqua contenuta nel circuito di raffreddamento tende a ghiacciare. E, così facendo, ad aumentare di volume. I condotti del circuito di raffreddamento, la pompa, il radiatore e persino il monoblocco del motore sono sottoposti a sforzi e tensioni capaci di spaccarli.

Per evitare gravi danni alla meccanica e costose riparazioni, già agli albori della motorizzazione gli automobilisti versavano alcool oppure glicerina nel radiatore dei loro veicoli. Una soluzione efficace solo nel breve termine: l’alcool tendeva infatti ad evaporare e la glicerina a diventare acida. Oggigiorno possiamo contare invece su una serie di prodotti chimici di facile utilizzo che, oltre a svolgere la loro azione anti-congelante quando la temperatura scende sotto lo zero, proteggono l’intero circuito di raffreddamento dodici mesi all’anno anche dal calcare e dall’ebollizione.

Contrariamente a quanto il nome lascia intendere, il liquido di raffreddamento non serve solo per proteggere il motore dal surriscaldamento. Una miscela di acqua, antigelo (glicole/etanolo) ed additivi protegge il circuito anche dal gelo e dalla ruggine, lubrificando al tempo stesso componenti importanti. Gli additivi contenuti nel liquido di raffreddamento svolgono quindi compiti diversi. I silicati formano uno strato protettivo sulle superfici di metallo e prevengono tra l’altro la formazione di depositi di calcare. Gli antiossidanti proteggono diverse componenti dalla corrosione e gli agenti antischiuma prevengono la formazione di schiuma nel liquido di raffreddamento. Una parte degli additivi tuttavia si consuma nel corso del tempo e per questo motivi ogni tre anni è consigliabile sostituire il liquido di raffreddamento e lavare il sistema di raffreddamento.

Per proteggere il motore anche con temperature comprese tra -25 e -40 gradi, è consigliata una miscela di acqua/antigelo in un rapporto di 60:40 oppure 50:50. Se si aumenta la quota di antigelo oltre il 60% non si riesce normalmente ad abbassare ulteriormente il punto di congelamento. Al contrario, il punto di congelamento si innalza. Un antigelo non diluito, ad esempio, congela già a -13 gradi ed a temperature superiori allo zero non asporta più in modo sufficiente il calore dal motore. Di conseguenza, il motore si surriscalda e possono insorgere gravi danni. Inoltre, in presenza di acqua con grado di durezza superiore a 20 gradi dH, si deve utilizzare acqua demineralizzata o distillata. E’ ovviamente imperativo rispettare sempre le prescrizioni del costruttore relative agli intervalli di sostituzione, al rapporto di miscelazione ed alla miscelabilità di antigelo/liquido di raffreddamento.

Leggi anche :

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INFORMATIVA SULLA NEWSLETTER DI MOTORI.NET

Stai visualizzando questo messaggio perchè il tuo indirizzo risulta presente nel nostro sistema.
Ho letto e acconsento l’informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 2 dell’informativa sulla privacy

Conferma



Se desideri rimuoverti dalla newsletter, puoi utilizzare questo link: clicca qui.