Nuovi migliori amici - image  on http://auto.motori.net
Sei qui:

Nuovi migliori amici

Nuovi migliori amici - image ZF-IAA2019_SHIC_0 on http://auto.motori.net

Conducenti umani ed elettronici si capiscono perfettamente grazie a ZF

Nel Cockpit Safe Human Interaction (SHI Cockpit) realizzato da ZF in collaborazione con Faurecia, sistemi di assistenza avanzati e funzioni di guida automatizzata comunicano con il conducente in modo semplice ed efficace. Obiettivi: sicurezza e comfort avanzati, dall’inizio alla fine del viaggio. Il passaggio del controllo tra uomo e macchina viene eseguito in modo intuitivo e non invasivo. Il sedile può essere regolato automaticamente per adattarsi a tutte le tipologie di conducente, in diverse situazioni. Il veicolo fornisce feedback sugli interventi di comando in modo trasparente, chiaro e non ambiguo. Grazie all’assistenza elettronica intelligente sono anche semplici da regolare.

C’è spesso un abisso tra la sicurezza potenziale e i miglioramenti nella comodità che possono essere implementati dai sistemi automatizzati di guida e la percezione da parte dell’utilizzatore del veicolo su come questi sistemi funzioneranno. Il cockpit SHI elimina questo divario. «Semplifica realmente gli scenari legati al passaggio dei comandi tra uomo e macchina» dice Uwe Class, direttore Safe Mobility Systems del reparto Advanced Engineering di ZF. «Inoltre, in ogni momento, i conducenti hanno ben presente quale sia la modalità di guida. Ciò aumenta il livello di accettazione di queste importanti funzioni».

Innanzitutto, il cockpit SHI avvisa quando le condizioni del traffico consentono la guida automatizzata. Il veicolo può prendere in mano la situazione non appena il conducente lascia il volante. Questo viene rilevato

da una funzione Hands-On-Detection (HOD) all’interno del sistema del volante che inoltre si alza e si ritrae pur rimanendo nel raggio d’azione del conducente. Grazie allo steer-by-wire, il volante rimane fermo durante la guida, invece di continuare a seguire i movimenti della ruota. Contemporaneamente, il sedile si sposta indietro e si abbassa, inclinandosi maggiormente. Per fare ciò, il sedile ha la possibilità di essere regolato in molte più posizioni. «Ciò nonostante, la sicurezza rimane elevata perché i nostri airbag, la cintura di sicurezza attiva e il dispositivo attivo di aggancio della cintura di sicurezza sono integrati nel sedile del cockpit SHI» spiega Class.

Il veicolo utilizza diversi altri modi, oltre alla modifica automatica della posizione del sedile, per informare il conducente se questi ha la responsabilità sul controllo del veicolo o se è l’auto ad averla. A seconda della situazione, il cockpit SHI combina informazioni aptiche (ad esempio la cintura di sicurezza che vibra), visive (strisce luminose che circolano nel cockpit e variano di colore) e acustiche (suoni, voce). In modalità automatica, il cockpit SHI può informare il conducente in anticipo per fargli riprendere il controllo di guida. Se il conducente non reagisce, il veicolo può essere programmato per fermarsi una volta raggiunta una posizione sicura.

Il cockpit SHI promuove sicurezza e comfort ancor prima che il viaggio abbia inizio. Per consentire un accesso a bordo veicolo più confortevole, il sedile accoglie il conducente in posizione retratta e inclinata. Inoltre, il volante appiattito si alza e ruota. Una volta che il conducente è seduto, quando la modalità di guida è manuale, una telecamera 3D per interni ne misura l’altezza e regola il sedile e il volante in modo che si adattino alla persona. Per consentire al conducente di uscire dal veicolo, il sedile si ritrae in posizione adeguata. «La combinazione di soluzioni ZF e Faurecia offre il massimo in termini di comfort per i conducenti quando entrano ed escono dalla vettura» spiega Eric Vanel, direttore reparto System & Mechanical Integration Director in the Cockpit of the Future di Faurecia.

Il cockpit SHI concentra tutte le funzioni di comando di assistenza e feedback in un unico operatore e livello di visualizzazione. I conducenti hanno infatti una veduta panoramica dei loro veicoli tramite l’Head-Up Display Instrument Cluster (HUDIC), un monitor installato centralmente.

L’Active Vehicle Aura (AVA) rappresenta invece l’interconnessione efficace di tutti i sistemi di assistenza, quali ad esempio il controllo della velocità di crociera, gli allarmi per la segnalazione di angoli ciechi e l’assistenza al mantenimento della corsia. Sul display, fino a 3 linee ovali rappresentano la situazione intorno al veicolo. La sensibilità totale può essere impostata con un solo dito sul volante. Tre linee significano un intervento tempestivo e morbido. Un solo ovale significa che il comando di feedback deve essere applicato in seguito e in modo deciso. In situazioni potenzialmente pericolose, le linee possono cambiare colore e forma se il conducente, ad esempio, inizia a cambiare corsia quando un altro utente si trova proprio dietro al veicolo nel suo angolo cieco. Parallelamente, gli assistenti sono in grado di intervenire per correggere la manovra critica. «Non importa se sei tu o la tua auto alla guida, il nostro cockpit SHI rende così semplice la comunicazione con i sistemi complessi che questa risulta ovvia e comprensibile» dice ancora Class. «Ciò consente ai sistemi di assistenza e alle funzioni automatizzate di guida di essere percepiti come i migliori amici, cosa che oggettivamente sono».

ZF ha sviluppato il cockpit SHI in stretta collaborazione con FKA e Faurecia. ZF ha la responsabilità totale del progetto e ha sviluppato e interconnesso tutte le nuove funzioni. ZF ha contribuito anche a tutti i sistemi di sicurezza attiva e passiva, al volante HOD (così come al motion control del veicolo con lo steer-by-wire) e agli elementi di comando avanzati. In stretta collaborazione con FKA (Forschungsgesellschaft Kraftfahrwesen) di Aachen, questo concept è stato testato in modo continuativo in situazioni concrete. Sono stati integrati anche aspetti riguardanti la percezione psicologica, come la progettazione dei rumori e del suono, così come risultati derivanti da test effettuati su individui. ZF sta lavorando con Faurecia per l’integrazione del sistema di trattenuta all’interno del sedile e alla progettazione degli elementi del cockpit.

Leggi anche :

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

motori.net

GRATIS
VIEW