Sei qui:

Nuova Golf e-Power, Hybrid-Power, GTI-Power e R-Power

Nuova Golf e-Power, Hybrid-Power, GTI-Power e R-Power - image 022348-000206649 on http://auto.motori.net

Le numerose versioni classiche dei motori benzina (TSI), Diesel (TDI) e a gas metano (TGI) sono il punto di partenza per ognuna di queste soluzioni, cui ora si aggiungono le trazioni elettriche, ibride plug-in e sportive ulteriormente ottimizzate che completano questa gamma unica al mondo. I vari modelli si distinguono per maggiore potenza, superiore autonomia o accresciuta efficienza. Altri tratti distintivi delle nuove e-Golf, Golf GTE, Golf GTI Performance e Golf R sono design più accattivante, nuovi fari e gruppi ottici posteriori a LED (entrambi si serie), nuovi sistemi di infotainment con highlight quali comandi gestuali (Discover Pro, di serie su e-Golf), Active Info Display digitale (di serie su tutte le versioni citate) e numerosi nuovi sistemi di assistenza.

e-Power e Hybrid-Power. La e-Golf e la Golf GTE, rispettivamente a trazione elettrica e ibrida plug-in, sono la massima espressione di rispetto per l’ambiente. La e-Golf viaggia sempre in totale assenza di emissioni, mentre la Golf GTE può percorre 50 km (nel ciclo NEDC) senza emissioni. Entrambi i modelli sono stati ulteriormente ottimizzati dal punto di vista tecnico: la e-Golf di seconda generazione è caratterizzata da maggiore autonomia (300 km nel ciclo NEDC) e potenza (136 CV = + 21 CV), mentre la Golf GTE si avvale di una nuova strategia ibrida che, interagendo con il sistema di navigazione, in modalità Hybrid sfrutta le informazioni del GPS e sul percorso per calcolare una configurazione predittiva del tragitto ancora da affrontare, al fine di gestire in modo ottimale l’impiego di motore elettrico e benzina nell’ottica del risparmio energetico.

GTI-Power e R-Power. Le sportive di culto Golf GTI Performance, Golf R e Golf R Variant (R Variant non per l’Italia) si presentano ancora più potenti.
I loro motori sovralimentati sono tra i quattro cilindri più reattivi del segmento. Ora la Golf GTI Performance è in grado di trasferire all’asse anteriore, dotato di bloccaggio del differenziale di serie, ben 245 CV
 (+15 CV), mentre Volkswagen R ha sviluppato sulla Golf R (ed R Variant) sempre a trazione integrale, 310 CV di potenza (+10 CV).

Design più accattivante

Fari e gruppi ottici posteriori con tecnologia LED. Il rinnovamento del design comprende nuovi paraurti, parafanghi, fari full LED di serie (per
e-Golf, Golf GTE e tutte le Golf GTI e Golf R) e gruppi ottici posteriori full LED ora di serie per tutte le Golf.

Nuovo frontale. Il listello cromato inferiore della calandra confluisce sia a destra che a sinistra nelle cornici cromate a forma di aletta dei fari a LED ed è stato pensato come elemento di personalizzazione per differenziare tra loro i vari modelli. Per esempio, sulla e-Golf e sulla Golf GTE in corrispondenza di calandra e fari con tecnologia LED si fa notare la caratteristica linea blu, emblema della mobilità elettrica Volkswagen. Nel caso della iconica Golf GTI questa linea è ovviamente rossa, mentre nella Golf R è nera metallizzata. Le e-Golf, Golf GTE, Golf GTI Performance e Golf R si distinguono poi per il nuovo paraurti anteriore specifico. A questo riguardo, e-Golf e Golf GTE sono accomunate da luci diurne integrate nel paraurti, realizzate con la tipica forma a C caratteristica di tutti i modelli elettrici e ibridi plug-in Volkswagen. Adesso però la Golf GTE si ispira sempre più da vicino alla Golf GTI, grazie ai rivestimenti della calandra caratterizzati da una nuova struttura a nido d’ape, e in generale il frontale di GTE e GTI ha un aspetto più dinamico. Per quanto riguarda i modelli Golf R, non c’è da menzionare altro che il paraurti dal nuovo design di notevole impatto.

Parte posteriore. In tema di differenziazione, è interessante dare uno sguardo anche al posteriore delle varie vetture. I gruppi ottici posteriori a LED, su GTE, GTI e R sono dotati di serie di due funzioni dinamiche: quella di indicazione di direzione (orientamento della luce dall’interno verso l’esterno) e quella di commutazione grafica tra luce di posizione orizzontale e luce di stop verticale. Le vetture sportive della gamma si distinguono inoltre tra loro per la configurazione dei terminali di scarico cromati: la Golf GTE ha un terminale di scarico doppio sul lato sinistro, la Golf GTI due terminali di scarico singoli, posizionati esternamente uno su ciascun lato, mentre la Golf R sfoggia sia a destra che a sinistra grandi terminali di scarico doppi. In alternativa, per la Golf R è possibile richiedere un nuovo impianto di scarico in titanio più leggero di 7 kg, realizzato dalla ditta Akrapovič, forte di un sound particolarmente vigoroso e caratteristico.

Digitalizzate e collegate in rete

Il supporto dell’elettronica. Le nuove Golf sono caratterizzate dall’innovazione tecnologica. Alcuni esempi: per la prima volta su una vettura della classe compatta, il nuovo sistema per radio-navigazione e servizi online Discover Pro può essere gestito tramite comandi gestuali. Sulla nuova e-Golf questo sistema, realizzato senza hard key (tasti con funzioni fisse), rientra persino nella dotazione di serie e il suo schermo da 9,2 pollici si abbina alla perfezione, esteticamente e concettualmente, all’Active Info Display, la strumentazione interamente digitale, un’altra novità introdotta sulla Golf. Anche tutti gli altri sistemi di infotainment sono stati sostituiti da dispositivi di nuova generazione. Parallelamente è stata ampliata la gamma delle App e dei servizi online. Il rinnovamento della Golf stabilisce anche nuovi benchmark sul fronte sistemi dei assistenza nella classe compatta: tecnologie quali funzione di frenata di emergenza City con riconoscimento dei pedoni (Front Assist), nuovo sistema di assistenza nella guida in colonna (guida parzialmente automatizzata fino a una velocità di 60 km/h) e Emergency Assist, anch’esso inedito per il segmento, migliorano sensibilmente gli standard di sicurezza offerti.

Guarda tutte le foto

Leggi anche:

Lascia un Commento