L'uomo freccia - image  on http://auto.motori.net
Sei qui:

L’uomo freccia

L'uomo freccia - image Piero-Taruffi-Bisiluro on http://auto.motori.net

Concorso di eleganza, auto d’epoca e golf

Quella del bisiluro di Piero Taruffi è stata un’epopea che ha segnato un’epoca importante illustrando ancor più la straordinaria carriera del poliedrico campione romano, capace di vincere in F1 come nelle moto, e a ragione considerato il miglior stradista del mondo. Nel bisiluro ritroviamo la verve creativa dell’Ingegner Taruffi che ha applicato le sue teorie su questo mezzo progettato per battere record di velocità in diverse categorie, con le differenti motorizzazione, Gilera per il Tarf 1, Maserati per il Tarf 2.

Al Golf della Montecchia a Padova, il prossimo 25 Maggio si celebra il primo dei 12 record ottenuti da Taruffi con il Bisiluro Tarf 1 sulla Fettuccia di Terracina, il 12 Febbraio 1949, ben 70 anni fa. E’ la figlia Prisca a volerne tener viva la   memoria, ripercorrendo il suo palmarès, talmente vasto da poter essere confrontato solamente con quello dei più grandi campioni di tutti i tempi.

La Volpe Argentata Event è una giornata che abbina la passione per i motori con il concorso di eleganza intitolato alla Volpe Argentata, all’amore per lo sport del golf con una Pro Am PGAI alla quale parteciperanno oltre 30 squadre di   “celebrities”, sportivi e giornalisti.

La giornata sarà aperta gratuitamente al pubblico e a tutti gli appassionati di motori. L’estro, l’ingegno e la versatilità dell’ing Piero Taruffi conosciuto appunto come Volpe Argentata, sono stati slancio per lo sviluppo nel settore automobilistico, ma anche motociclistico, settore nel quale Taruffi conquistò ben 34 primati mondiali che gli valsero l’appellativo di “uomo freccia”.

Grazie al contributo del Museo Piaggio, in questa terza edizione della Volpe Argentata Event sarà esposta in anteprima la famosa Rondine Gilera 500  con la quale nel 1939, Dorino Serafini vinse il campionato europeo.Il progetto della Rondine, la prima motocicletta 4 cilindri dell’era moderna, nacque nel lontano 1923 grazie a due ingegneri romani, Carlo Gianini e Pietro Remor, amici e coetanei di Taruffi pilota e collaudatore ufficiale della Gilera. Proprio   con questa motocicletta Piero Taruffi raccolse numerose vittorie tra cui il Gran Premio di Tripoli nel 1935 e in seguito, con la versione carenata, nuovi record mondiali tra cui quello sul chilometro lanciato a 274,181 km/h stabilito nel 1937 sull’autostrada Bergamo- Brescia. Taruffi stesso si riteneva più portato per le corse in moto, malgrado ciò, a detta dello stesso Nuvolari, divenne lo stradista più forte del mondo avendo vinto le corse su strada più importanti come la Targa Florio nel 1954, la Carrera Panamericana nel 1951 e la Mille Miglia nel   1957, quando a cinquant’anni si ritirò dalle competizioni, come promesso a Donna Isabella, sua moglie.

Alle 17 l’incontro aperto a tutti gli appassionati con Prisca Taruffi e Massimo Lucchini Gilera, presidente del Registro Storico Gilera, dal titolo Le avventure di Piero Taruffi, il motociclista più veloce del mondo.

Da quest’anno il concorso di eleganza Volpe Argentata Event per auto d’epoca con particolare vocazione sportiva, è stato inserito nel calendario A.S.I (Automotoclub Storico Italiano) oltre a quello F.I.V.A (Fédération Internationale des Véhicules Anciens). Il concorso sarà coordinato da Stefano Chiminelli,

presidente del Circolo Veneto Auto Moto d’Epoca e Vice Presidente del Museo Bonfanti. L’organizzazione è a cura di Prisca Taruffi in collaborazione con Play Golf54 – Golf Frassanelle, Galzignano Terme Course e Golf della Montecchia.

L’evento ha già l’importante patrocinio del Coni Nazionale, dell’Automobile Club d’Italia, dell’Aci Storico e del Museo Mille Miglia.

Leggi anche :

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

motori.net

GRATIS
VIEW