Gita alla scoperta del Tartufo Bianco con Fiat 500L - image  on http://auto.motori.net
Sei qui:

Gita alla scoperta del Tartufo Bianco con Fiat 500L

Gita alla scoperta del Tartufo Bianco con Fiat 500L - image Fiat-500L-Trekking-1 on http://auto.motori.net

Un intinerario gustoso che ci ha permesso di assaggiare il famigerato Tartufo Bianco di Sant’Agata Feltria, anche se la 500L ci ha dato qualche problemino.

Avevamo deciso di partire per una gita fuoriporta che potesse portarci ad assaggiare il meraviglioso tartufo bianco di Sant’Agata Feltria, in provincia di Rimini. Partendo da Ravenna siamo saliti sulla nostra Fiat 500L e siamo andati alla volta di Sant’Agata Feltria, passando per la bella Forlì.

Forlì

Gita Fiat 500L Tartufo Bianco

Chi conosce Forlì sa bene che essa è una di quelle città un po’ nascoste, ricche di una storia che nessuno s’aspetta. Eppure questa città è stata un grande centro culturale del nostro Rinascimento senza la quale oggi, forse, non saremmo esattamente gli stessi. Conosciuta e abitata già in epoca antica dai Galli Senoni prima e dagli Etruschi poi, Forlì ha dimostrato di possedere la necropoli sotterranea più grande e interessante dell’Emilia-Romagna. Il nome attuale, tuttavia, deriva dalla conquista romana. L’insediamento dove oggi sorge Forlì venne chiamato Forum Livii nome che nel corso del tempo è andato sempre più accorciandosi divenendo ciò che è oggi. La città presenta numerosi luoghi d’interesse come la celeberrima Rocca di Ravaldino, Villa Saffi e il meraviglioso Parco Urbano Franco Agosto.

È stato un vero peccato non potersi trattenere di più in una città tanto ricca di storia del nostro Paese, ma l’acquolina in bocca per il tartufo bianco ci ha fatti tornare alla nostra 500L con largo anticipo per rimetterci in marcia. Mentre ci avvicinavamo alle colline che fanno da prodromo agli Appennini abbiamo però notato che la nostra Fiat 500L aveva qualche problemino ai freni, tanto che il nostro display mostrava accesa la spia dell’impianto frenante. Per sicurezza ci siamo fermati al lato della strada, quando mancava ormai poco a Sant’Agata Feltria, e abbiamo preso il libretto uso e manutenzione Fiat 500L per vedere se fosse un problema tanto grave da costringerci a tornare indietro. Abbiamo condotto delle prove come ci consigliava il libretto uso e manutenzione e abbiamo scoperto che si trattava soltanto di un contatto errato del sensore. Dopo aver spento e riacceso il quadro diverse volte, il sensore ha smesso di dare fastidio e noi abbiamo potuto continuare verso la nostra meta.

Sant’Agata Feltria

Gita Fiat 500L Tartufo Bianco

Sant’Agata Feltria si affaccia su un breve promontorio cui fa la guardia con la sua Rocca Fregoso. In passato è stata semplicemente (si fa per dire) un punto strategico dal quale controllare i transiti che dalle Marche andavano verso il Nord Italia e viceversa. Oggi come allora è un paesino molto piccolo con una tradizione radicata che si fa vanto del profumatissimo tartufo bianco pregiato. Parcheggiamo duqnue la nostra Fiat 500L e ci avviamo verso i numerosi stand che offrono degustazioni e ogni genere di libagione a base di tartufo. Non restiamo insoddisfatti. La Fiera propone la valorizzazione di prodotti tipici, selezionando le eccellenze, primo fra tutti il tartufo bianco pregiato.

Gita Fiat 500L

Direttamente dal territorio, dal suo habitat naturale, i boschi, il prezioso tubero si trasforma in cucina per realizzare piatti di alto valore gastronomico, che sprigionano inebrianti aromi ben lontani dalla globalizzazione che spesso ci travolge, per salvaguardare l’integrità del nostro ambiente. Nelle domeniche di Ottobre S. Agata si trasforma in un luogo dove immergersi in un’atmosfera suggestiva e profumata, passeggiare nelle vie e nelle piazze ad ammirare le numerose tipicità presenti nella manifestazione. Il giro di vino che porta in scena aziende vitivinicole rappresentative,la gara dei cani da tartufo, per conoscere dal vivo l’entusiasmante momento della ricerca del prezioso tubero in compagnia del cane fedele. La visita al paese è anche l’occasione per ammirare gli antichi monumenti di alto valore architettonico: il Teatro Angelo Mariani, Rocca Fregoso nel suo nuovo allestimento come “Rocca delle Fiabe”, il Convento di San Girolamo, le fontane d’arte.

Il nostro tempo però scade con l’approssimarsi del buio. La Fiat 500L ci aspetta e non dà segni di problemi quando ripartiamo. Ci ha un po’ spaventato ma è andato tutto per il meglio.

Ecco il nostro percorso nel dettaglio:

Gita Fiat 500L

Leggi anche :

Lascia un Commento