Sei qui:

Citroën C4 Cactus alla volta di Pechino

Citroën C4 Cactus alla volta di Pechino - image 022378-000206866 on http://auto.motori.net

Unica eccezione, una bagagliera sul tetto, accessorio reso necessario per la presenza di due pneumatici di scorta sistemati nel bagagliaio.

I due avventurosi e la loro Citroën C4 Cactus affronteranno ben 15mila chilometri, con un percorso che attraverserà Grecia, Turchia, Iran, Turkmenistan, Uzbekistan, Kirghizistan, Cina. L’arrivo alla destinazione finale di Pechino è previsto dopo una quarantina di giorni di viaggio.

Per quanto consentito dalle situazioni locali, i due viaggiatori si ripromettono di percorrere il tragitto della “Crociera Gialla”, la famosa spedizione organizzata nel 1931 da Citroën per “esplorare” una parte dell’Asia e dell’Estremo Oriente poco conosciuta, se non addirittura sconosciuta agli occidentali.

Con il solo “ausilio” del Grip Control e degli pneumatici polivalenti Michelin CrossClimate+ 205/50 R17, C4 Cactus affronterà nel suo lungo viaggi i difficili passi himalayani sopra i 4mila metri e le strade sterrate del centro Asia, spesso appena tracciate.

L’ Avventura Gialla permetterà di evidenziare ancora una volta l’amore per le sfide e l’audacia che contraddistingue il brand Citroen da quasi cento anni oltre l’affidabilità, la robustezza e la versatilità di Citroën C4 Cactus in tutte le situazioni ambientali e stradali. Caratteristiche che ne fanno la compagna ideale anche per viaggi avventura … unconventional.

Avventura Gialla si inserisce nella lunga tradizione del Marchio fatta di spedizioni e di raid in terre lontane, soprattutto in quell’Estremo Oriente che per Citroën ha sempre avuto un fascino particolare.

Sulle tracce della Crociera Gialla

Sull’onda del successo della Crociera Nera, che esplorò l’Africa misteriosa, nel 1931 Citroën organizzò un’altra traversata automobilistica altrettanto eroica, quella di tutto il continente asiatico, dal Mediterraneo al Mar cinese. Si trattava della “Crociera Gialla”, spedizione composta da 43 uomini e 14 autocingolati. La spedizione fu divisa in due tronconi. Il gruppo “Cina” dovette far fronte alla forza degli elementi come le violenti tempeste di sabbia nel Deserto di Gobi e finì perfino per essere coinvolto nelle vicende di una Cina in cui la guerra civile aveva consegnato molte province ai cosiddetti “signori della guerra”.

Il secondo troncone, il gruppo “Pamir”, incontrò difficoltà notevoli, soprattutto quando, non potendo attraversare l’Afghanistan in guerra, superò le vette e i passi più alti del mondo in condizioni estremamente critiche e rischiose.

Non mancarono anche momenti dove fu necessario smontare i veicoli e trasportarli pezzo per pezzo con muli e cavalli per superare ostacoli altrimenti impossibili. Dopo dieci mesi di avventure di ogni genere, la “Crociera Gialla” poté entrare a Pechino. Da un’estremità all’altra dell’Asia aveva percorso 12.115 chilometri!

Franco e Massimo, i due di “Avventura Gialla”

I trentini Franco e Massimo Gionco sono i protagonisti di Avventura Gialla. Sono padre e figlio, viaggiatori per vocazione. Per loro viaggiare è un mezzo per raccontare l’emozione e l’ambiente, un vero e proprio stile di vita.

Reporter e fotografi, la loro ultima realizzazione editoriale è “Un Mondo da vivere”: un atlante di geografia vissuta, di abbaglianti nevi negli angoli più incredibili del mondo, di affascinanti bellezze naturali. Un libro dove l’avventura, come scoperta del meraviglioso mondo che ci circonda, è protagonista assoluta. Citroën C4 Cactus con Grip Control, 100% outdoor Citroën C4 Cactus, audace e innovativa, è l’unconventional Crossover per eccellenza, massima espressione della Creative Technologie di Citroën. Propone più design, più comfort, più tecnologia utile, con soluzioni inedite e controcorrente, come gli Airbump® laterali che ne esaltano l’estetica e la proteggono dai piccoli urti tipici dell’utilizzo urbano, o i sedili anteriori “Sofà”, pensati per garantire livelli di comfort inediti, rendendo l’abitacolo un luogo piacevole, conviviale, elegante. Ma anche il tetto in vetro panoramico a elevata protezione termica, per godere della luce naturale. Idee intelligenti e di carattere si combinano all’interfaccia tecnologica 100% touch: i classici pulsanti hanno lasciato spazio ad un sistema multimediale sofisticato di controllo. Tramite il grande Touch Pad da 7” il guidatore comanda la climatizzazione, la radio, i sistemi di assistenza alla guida, il telefono. Ed il sistema elettronico Grip Control regala una motricità rinforzata che consente di muoversi in sicurezza anche sui fondi più insidiosi,come quelli che attendono i due avventurosi di Avventura Gialla. Citroën C4 Cactus è disponibile con otto motorizzazioni, tra cui il PureTech 110 che equipaggerà la vettura di Franco e Massimo Gionco e che per due anni consecutivi è stato eletto “Engine of the year” nella categoria con cilindrata da 1.0 a 1.4 litri.

Guarda tutte le foto

Leggi anche:

Lascia un Commento