Addio, Stirling Moss, grandissimo tra i grandi - image  on http://auto.motori.net
You are here

Addio, Stirling Moss, grandissimo tra i grandi

Addio, Stirling Moss, grandissimo tra i grandi - image stirling-moss on http://auto.motori.net

Si spento a 90 anni il “re” senza corona.

Era un po’ l’ultima icona dell’automobilismo degli Anni Cinquanta, uno dei periodi eroici delle corse. Malato da tempo, Stirling Moss che si è spento a Londra il giorno di Pasqua. Aveva compiuto novant’anni lo scorso Settembre.

Moss è noto come il “Re senza corona” della F1 in quanto non ha mai vinto un Mondiale, Anche se ci è andato vicino, soprattutto nel 1958, quando dopo aver segnato in Argentina con una Cooper il primo successo in epoca moderna di una monoposto a motore posteriore smentendo Ferrari (”i buoi vanno sempre davanti al carretto”,,,) con la Vanwall ufficiale è stato in lotta fino all’ultimo, battuto da Mike Hawthorn per un solo punto.

Forse l’avrebbe meritato anche nel 1961, quando con una Lotus privata del team di Rob Walker, il re del whisky, fu l’unico a opporsi allo strapotere delle Ferrari 156, alla fine campioni del mondo proprio con Phil Hill, che tre anni prima l’aveva fregato in Marocco favorendo il piazzamento decisivo di Hawthorn.

Negli anni precedenti si era invece dovuto piegare alla superiorità di Fangio, il “penta-campeon” argentino, con il quale aveva stretto un solido rapporto di stima e amicizia, destinato a durare negli anni, nel 1955 quando avevano corso insieme con la Mercedes. Proprio nel 1955 Moss ha compiuto con la 300 SLR della Casa tedesca una delle sue imprese più grandi trionfando alla Mille Miglia con la spettacolosa media di 157,650 km/h, accompagnato dal giornalista Denis Jenkinson che utilizzava per la prima volta una sorta di note sul percorso segnate su un rullo di carta. Celebri sono anche le imprese di Moss al Tourist Trophy, soprattutto quelle con la Ferrari blu e bianca di Rob Walker.

La carriera di Moss è stata interrotta, non ancora trentatreenne, da un incidente in una gara non valevole per il campionato mondiale F1 a Goodwood nella Primavera del 1962. Da allora è stato una presenza fissa ai box e in tante attività automobilistiche, anche legate alla sicurezza e alla solidarietà.

Moss aveva una sorella, Pat, che è stata una grande rallista negli Anni Sessanta, quando corse con Mini, Saab e Lancia, mentre il padre Alfred che gli ha fatto da manager nella fase iniziale della carriera è stato tra i fondatori della scuderia Yeoman Credit, con la quale ha corso nel 1961 John Surtees, e della BRP.

 

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.