Formula 1: Ferrari, era ora!

A dieci anni dal successo di Kimi Raikkkonen, Scuderia Ferrari torna a vincere all’Albert Park di Melbourne, prima gara della stagione. Sebastian Vettel ha tagliato il traguardo per primo dopo 57 giri di una gara che ha avuto il suo momento cruciale al 23° giro, quando un perfetto cambio gomme ai box lo ha rispedito fuori davanti alla Mercedes di Lewis Hamilton.

Per Scuderia Ferrari è la 225° vittoria in Formula 1, per Seb la 43esima e quarta con il team di Maranello. Con il quarto posto finale, Kimi Raikkonen ha aggiunto 12 punti per Scuderia Ferrari nel campionato Costruttori, portando il totale a 37.

Sergio Marhcionne: "Era ora. Sono contento per la squadra e i nostri tifosi che non ci hanno mai abbandonato. Era da circa un anno e mezzo che aspettavano questa vittoria. E’ stata un’emozione sentire nuovamente suonare l’inno italiano. Sebastian ha fatto una grande gara, e sono sicuro che Kimi sara’ presto  lì a lottare con il compagno. Ed è naturalmente un successo da condividere con tutta la squadra, sia in pista sia a Maranello, perché solo il lavoro di gruppo permette di raggiungere traguardi importanti. Congratulazioni anche ad Antonio per il suo debutto in Formula Uno. Adesso però la cosa fondamentale è ricordarci che questo non è il punto di arrivo ma solo il primo passo di un lungo cammino che deve vederci tutti impegnati a migliorare ogni giorno."

Maurizio Arrivabene: “Oggi abbiamo ottenuto un buon risultato, che avrebbe potuto essere ottimo portando anche Kimi sul podio. Alla presentazione della SF70H l’avevamo definita “la Ferrari di tutti”: per questo il successo di oggi rispecchia lo sforzo di chi ha lavorato duramente, nei mesi scorsi, sia a Maranello che in pista. Quanto a Sebastian, ha fatto un ottimo lavoro e altrettanto si puo’ dire di tutta la squadra. Peccato che Kimi abbia faticato, all’inizio, a trovare il ritmo giusto. La monoposto si è comportata benissimo in pista: era ben bilanciata e il rendimento costante della gomme ci ha aiutato a mettere in atto una strategia aggressiva. Questa è solo la prima gara del campionato: ne mancano ancora 19 e ad ogni Gran Premio dobbiamo mantenere alta la concentrazione, evitando di distrarci e guardando già da oggi avanti, al prossimo Gran Premio in Cina.”

Mattia Binotto: “Ovviamente sono contento. E’ in pista che si raccolgono i frutti del lavoro collettivo fatto in inverno. Un lavoro intenso, in cui ciascuno ha raddoppiato l’energia e l’impegno. Ci attendono altre diciannove sfide e la gara di oggi dimostra quanto poco basti per essere davanti o dietro. Quindi dobbiamo continuare a spingere il più possibile sullo sviluppo. Quanto al week end di Melbourne, già in qualifica si era visto che i valori in campo erano molto simili e sapevamo che la gara sarebbe stata molto tirata. Il GP si è giocato tutto al cambio gomme: in quel momento avevamo probabilmente un degrado di pneumatici migliore dei nostri avversari a fine stint, e questo ci ha permesso di restare in pista più a lungo. Da lì in avanti si è trattato di portare a casa il risultato dal punto di vista dell’affidabilità. Seb ha fatto un lavoro egregio, la gara di Kimi è stata certo più complicata, anche perché partiva da una posizione in griglia meno vantaggiosa. Ha saputo comunque mantenere questa posizione fino al traguardo e i tempi sul giro nell’ultima parte di gara dimostrano il suo valore.”

Sebastian Vettel: “E’ stato un grande giorno per noi. La squadra ha lavorato duro in pista così come in sede. E’ una sensazione bellissima. “Grazie mille”, non c’è molto di più da dire. Gli ultimi mesi sono stati molto intensi, è stato difficile prendere il giusto ritmo. Ma è solo l’inizio e c’è molto lavoro da fare. E’ solo il primo passo di un lungo cammino e dobbiamo essere contenti di ciò che facciamo. E’ fantastico vedere la gente sorridere. Ora dobbiamo solo resettare tutto e poi andremo in Cina e cercheremo di fare un buon lavoro.”

Kimi Raikkonen: “Nella prima parte di gara ho faticato un po’ con le gomme Ultrasoft, ma una volta montate le Soft la macchina si è comportata davvero bene. Non è stata gara emozionante per me, la maggior parte del tempo ho cercato di risparmiare carburante, ma quando forzavo il ritmo la macchina era veloce e avevo un ottimo feeling. Sono un po’ deluso per il quarto posto, ma abbiamo portato a casa qualche punto e la vittoria di Seb è un grande risultato per tutta la squadra. Abbiamo imparato molto da questo weekend: partiamo da qui, con un buon pacchetto, e sappiamo cosa fare per migliorare la macchina.”