Automechanika apre alle auto d’epoca

i visitatori del settore delle autofficine saranno presentate le ultime novità sul tema Classic Cars: parti di ricambio, workshop sulla riparazione, soluzioni assicurative e finanziamenti.

Campionesse di simpatia, testimonial di marchi e beni culturali. Le automobili d’epoca riscuotono grande successo e generano un volume d’affari di circa 16 miliardi di Euro. Non a caso Automechanika Francoforte  - unica per ora tra le rassegne del settore allestimenti, ricambi, accessori, management & servizi dell’industria automotive - apre loro le porte a partire dalla prossima edizione. A loro sarà infatti dedicato un padiglione posto in posizione ottimale, nelle immediate vicinanze dell’area riservata alle aziende specializzate in attrezzature per autofficine, verniciatura e riparazione.

In questa nuova area espositiva saranno presenti anche la federazione tedesca dei settori carrozzeria e

produzione di autoveicoli (ZKF) e l’associazione tedesca delle piccole imprese automobilistiche (ZDK) con una ricca offerta di corsi di formazione e di specializzazione professionale. Non mancheranno ovviamente le aziende di parti di ricambio e del settore della verniciatura, così come compagnie assicurative e società di finanziamenti con soluzioni specifiche per le auto d’epoca.

«Intendiamo offrire a tutti coloro che desiderano riparare e curare a regola d'arte le loro auto storiche

un’importante piattaforma di business dove potersi informare in maniera esaustiva. La riparazione delle auto d'epoca potrebbe essere un business piuttosto redditizio per molte autofficine tedesche, bisogna però sapere quale approccio utilizzare» ha detto Olaf Mußhoff, direttore di Automechanika. «Desideriamo quindi chiamare a raccolta insider e newcomer da tutto il mondo».

Le automobili d’epoca sono molto più che semplici mezzi di trasporto: oltre 4.000 sono gli eventi dedicati alle auto storiche in Germania. I proprietari di auto d'epoca considerano la cura e l'utilizzo dei loro veicoli come un hobby appassionante, per il quale sono disposti a investire molto tempo

e denaro. Secondo lo studio della BBE, i conducenti di auto d'epoca spendono in media oltre 5.200 Euro all'anno a veicolo. Oltre il 60% del volume di mercato è rappresentato da spese dettate all'emozionalità. A livello di immagine le storiche offrono inoltre al settore automobilistico stesso un contributo straordinario, suscitando grande interesse tra il pubblico.

Con circa 7,8 milioni di vetture in circolazione sulle strade tedesche, le storiche rappresentano oltre il 14% dell’intero parco circolante e sono quindi un mercato interessante per le autofficine e le concessionarie che desiderano orientare la loro offerta sempre più in questa direzione. Tuttavia, finora,

solo una piccola parte ha ottenuto la qualifica di "specialista in auto d’epoca", riconoscimento assegnato dal 2009 da ZDK e ZKF.